NON ACCONTENTARTI DELL'ORIZZONTE. CERCA L'INFINITO.


I made this widget at MyFlashFetish.com.



lunedì 24 novembre 2008

LA MARATONA

Come promesso sono qui a raccontarvi della giornata di ieri, la mia prima maratona, un'esperienza unica e un qualcosa da raccontare quando sarò vecchio. Ai miei nipoti potrò dire: "Il 23 Novembre a Milano c'ero anch'io!!"

Ma andiamo con ordine: arrivo a Milano in ritardo per il raduno degli amici bloggers (anche perchè avevo trovato altri amici e il tempo è volato), il freddo è da subito pungente, c'è poco vento ma durante la gara si farà sentire, eccome!!
Prima di entrare nella gabbia riconosco il grande Lucky e gli faccio gli auguri per la gara, e gli hanno sicuramente portato bene ;-)

E siamo al via....non sento neanche lo sparo ma piano piano la massa di gente inizia a camminare e poi correre, sotto l'arco di arrivo/partenza faccio partire il mio Garmin e da li parte anche la mia gara.
Devo essere sincero, ad un giorno di distanza i ricordi sono un pò confusi, a poco a poco mi vengono in mente particolari che mi erano sfuggiti "a caldo".
I primi 8km li faccio in gruppo senza avere nessun riferimento se non il gps, mi mantengo con un'andatura leggermente sotto i 5'15" al km ma le lepri che volevo seguire, quelle delle 3ore e 45min, sono lontane e non voglio sforzarmi troppo per raggiungerle. Intorno al decimo km mi aggrego a 3 ragazzi che volevano mantenere la mia stessa andatura e resitamo insieme, a ritmo costante di 5'20", fino al 21km poi uno dei 3 ha un problema e rallentano parecchio, vado avanti allo stesso passo fino al 27esimo km e li rallento abbastanza in quanto avverto un pò di dolore alla schiena....vengo raggiunto nuovamente da due supersiti del gruppo precedente e procediamo fino al ristoro dei 30km. Uno di loro dice " Fermiamoci, prendiam da bere e da mangiare, siam in vantaggio di 1min e 30sec"
Al ristoro rallento, quasi mi fermo, e il dolore alla schiena diventa molto forte, come ripartiamo sento che qualcosa dentro di me è "saltato".
Dico ai due "nuovi amici" che non ce la faccio, mi dico" cammino per 100mt cosi faccio muovere un pò la schiena" ma alla ripresa le gambe non eran più le stesse, dal 30esimo al 32esimo km quasi cammino, e penso solo ai tantissimi km che mi separano dall'arrivo. Ora a mente fredda capisco quanto sian vere le "dicerie" sulla maratona, è vero che un buon 50% del risultato è dato dalla psiche.
Vengo raggiunto dal gruppo capitanato dai pacer delle 4ore e resto incollato a loro, con grande fatica, fino al 37esimo km, ma vanno troppo forte per la mia condizione di quel specifico momento e decido staccarmi, rallento, ansimo, mi gira la testa.....mi trascino fino al 39esimo km perdendendo tutte le possibilità di arrivare sotto le 4ore e mi dicono che fa nulla, l'importante è arrivare.
Un signore sui 50 mi passa da bere e piano piano riprendo a mantenere un ritmo che può essere definito "corsa", all'ultimo ristoro prendo ancora da bere e punto dritto all'arrivo.
Del tratto tra il 40esimo e il 41esimo km non ricordo assolutamente nulla ma l'ultimo km è stato davvero esaltante, tanta gente ad incitare e una forza nascosta che torna in me e mi fa tornare a correre come se fosse il primo km, chiudo in 4h 12min 55sec.

Che dire? Ancora non ho realizzato di aver raggiunto un obiettivo che solo 2 anni fa mi sembrava impossibile, ricordo l'emozione della prima volta che percorsi 10km tutti di fila :-)) Come dicono in tanti è un buon tempo per essere la prima maratona, so che potevo fare meglio, nel post non ho citato il vento ma è stato davvero un nemico invisibile e sicuramente almeno 5 min me li ha "rubati" . Nei momenti di crisi ero completamente solo, se avessi trovato qualcuno nella mia stessa situazione sarebbe stato sicuramente un aiuto in più. Quei 4km critici mi hanno fatto appunto perdere circa 20 minuti....

Come anticipato nel mio post precedente sottolineo la grandissima prova di quello che sarà il mio futuro suocero, un "signore" di 67 anni che ha iniziato a correre alla stramilano del 2007 e da subito è diventato "addicted". Ha chiuso con lo straordinario tempo di 4h07min. Fategli tutti i complimenti perchè se li merita. Sono sicuro che se si allenasse un pò di più e con più metodo mi darebbe la paga anche nelle mezze.

Volevo chiudere con due domande?

La prima è polemica: ma quanto siamo messi male in Italia per quanto riguarda la cultura dello sport??? è possibile prendere insulti dagli automobilisti agli incroci per tutta la gara??? con me c'erano dei ragazzi stranieri, non ci credevano a quanto stava accadendo!! Che schifo!!

La seconda: e ora? Dopo aver raggiunto questo traguardo cosa ne sarà di me? Devo decidere se allenarmi per correre una 10k in maniera "seria", dai 40 ai 45min. Oppure se buttarmi su di una mezza maratona e cercare di sfondare il personale di 1h42min....1h30 mi sembra troppo....

5 commenti:

mathias ha detto...

complimenti mauro... visto che bello l'esordio? non per il contesto degli insulti, ma hai vinto la tua sfida personale!
io ti dico che ho fatto io, finita la maratona di vienna ad aprile mi sono buttato sui 10km, allenamenti freschi, veloci, per far rifiatare la mente dalla lunga preparazione per la 42

Lucky73 ha detto...

è vero la testa conta tantissimo, ma anche il fondo non scherza. Con qualche lungo (e lunghissimo) in più avresti centrato le 3.45. La schiena poi è una brutta bestia sempre....
Il fatto di perdere le 4 ore non ti ha scoraggiato e questo è molto positivo.
Per quanto riguarda la prima domanda calo un velo pietoso.
Per la seconda ti ho risposto nel precedente POST.
Complimenti ancora!

Furio ha detto...

Complimenti Mauro, mi spiace per l'incontro saltato, ma almeno Lucky l'hai incontrato.
Sei stato bravo a finire comunque, un consiglio, indaga sulla schiena; ne soffri spesso?

Riguardo Milano, sapevo era così, ma è un caso isolato per fortuna.

Cosa fare ora..ti ho risposto anche nell'altro post..
io ti consiglio di migliorare sui 10km , poi a metà anno sulla mezza ed a fine anno una maratona.. e sbancherai il cronometro.

franchino ha detto...

Purtroppo in Italia sembra che solo il calcio sia sport.
Io fossi in te mi dedicherei sulle 10 e qualche mezza, per poi riprovare più avanti un'altra maratona.

Ciao!

Gianluca Rigon ha detto...

Purtroppo ho letto il racconto solo adesso. Molto bello e molto buono anche il tempo.....pensa che è uguale a quello che ho fatto io alla Maratona di Firenze che è stata la mia seconda volta....E poi penso che hai ampi margini di miglioramenti perchè sei giovane. Ciao e in bocca al lupo per i tuoi prossimi impegni !